Aprire un negozio

Con la liberalizzazione del commercio del 1998 messa in atto dalla legge Bersani, le procedure per aprire un negozio o un'attività commerciale sono diventate più semplici.

Le varie tipologie di prodotto sono state divise in due macrocategorie, alimentari e non alimentari (ad esclusione di alcune particolari categorie di prodotti sotto il monopolio di stato) e di fatto sono state abolite le licenze.

 

Requisiti personali e professionali per avviare un negozio

Per avviare un’attività commerciale non si devono possedere particolari requisiti. Il soggetto che intendesse avviare un negozio deve essere capace di intendere e di volere, ovvero essere maggiorenne e non essere stato interdetto fiscalemente a causa di condanne penali o fallimenti.
Non sono necessari neanche requisiti professionali salvo il caso di attività nel settore alimentare. In tal caso il titolare o chi per lui opera all'interno del negozio, deve essere abilitato a lavorare con i generi alimentari. L’abilitazione la può ottenere semplicemente frequentando un corso di 60 ore circa denominato ICAL (idoneità al commercio alimentare) organizzato dalle regioni o dalle provincie. È un semplice corso che e istruisce i partecipanti sulla normativa igienico-sanitaria vigente.
Il corso è facoltativo se si ha lavorato nel settore alimentare o nella ristorazione per almeno 2 anni negli ultimi 5 oppure se si ha già conseguito un diploma di scuola alberghiera o equipollente o superiore.

Iter burocratico e amministrativo per aprire un negozio

Apertura partita IVA – Ogni attività che produce un reddito superiore ai 5.000 euro annui deve avere una partita Iva per l'adempimento degli obblighi fiscali. Per aprirla è consigliabile recarsi da un commercialista che vi aiuterà a scegliere il regime fiscale e la forma sociale più idonea. Le spese di apertura sono molto basse

Iscrizione all’INPS e all’INAIL in base al tipo di posizione Iva aperta.

Iscrizione al Registro Esercenti di Commercio presso la Camera di Commercio, pratica che potete sempre demandare al commercialista.

Segnalazione di avvio attività al Comune. Non sono più necessarie le licenze di un tempo che de facto ora sono state abolite, ma basta inviare una segnalazione al comune dove si attesta l’inizio dell’attività e il rispetto delle normative vigenti.

Dove informarsi per aprire un negozio

SUAP - Lo sportello unico per le attività produttive nel comune di residenza
Commercialista - Recarsi da un buon commercialista per conoscere tutti gli adempimenti fiscali.